Muretti a secco: Unesco IntangibleHeritage

La svinatura del Valpolicella Classico 2018 | Valpolicella’s Racking 2018
18 ottobre, 2018

Muretti a secco: Unesco IntangibleHeritage

Dal 28 Novembre 2018 i muretti a secco, In Valpolicella chiamati dialettalmente “MAROGNE” sono iscritti alla lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell’umanità in quanto rappresentano “una relazione armoniosa fra l’uomo e la natura“.
“L’arte del muro a secco (dry stone walling) riguarda tutte le conoscenze collegate alla costruzione di strutture di pietra ammassando le pietre una sull’altra, non usando alcun altro elemento tranne, a volte, terra a secco. Si tratta di uno dei primi esempi di manifattura umana ed è presente a vario titolo in quasi tutte le regioni italiane, sia per fini abitativi che per scopi collegati all’agricoltura, in particolare per i terrazzamenti necessari alle coltivazioni in zone particolarmente scoscese”

Since November, 28th, 2018 Art of dry stone walling, called MAROGNE in Valpolicella, knowledge and techniques is on Representative List of newly inscribed elements of #IntangibleHeritage.
The art of dry stone walling concerns the art of building by stacking stones upon one another, without using any other materials except, in some case, dry soil. This know-how is preserved in rural communities where the practice is deeply rooted, and among construction industry professionals. Dry-stone structures have shaped numerous and diverse landscapes with a variety of constructions used as dwellings, for farming and animal husbandry. Such structures testify to the methods used by people from prehistory to the present in organizing their living and working space by optimizing local natural and human resources.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *